122

 124

 123

 125



IL SITO
visitate il nostro sito www.modularte.it dedicato a vasi, fioriere e aiuole per interni ed esterni

LE AIUOLE
e in particolare alle AIUOLE PER GIARDINI PENSILI

IL BLOG
Visitate il nostro BLOG dedicato al GIARDINAGGIO IN VASO, tanti consigli sulle tecniche

Le fioriere in legno, dai toni caldi e naturali, riescono a rendere particolarmente accoglienti gli spazi esterni e interni delle case. Nonostante richiedano periodici trattamenti di manutenzione e siano piuttosto costose, le fioriere in legno continuano a essere le più apprezzate grazie anche alle peculiari proprietà del legno, che garantiscono condizioni chimico-fisiche stabili al terriccio usato per la semina e il trapianto, indispensabili per la regolare crescita delle piante.

Fioriere da giardino per esterni

In un giardino, su un terrazzo o sui balconi le fioriere completano elegantemente gazebo e pergolati, ma consentono anche a chi non dispone di grandi aree, di usufruire di un rilassante angolo di natura su un balcone o all’?interno della propria abitazione. Sceglierle in maniera oculata, in base alle esigenze individuali, valorizza l?ambiente circostante ed esalta la bellezza di fiori e piante ornamentali. Terracotta, plastica e legno sono i materiali più diffusi in commercio, ognuno dei quali presenta vantaggi e svantaggi. Le fioriere in terracotta hanno un aspetto gradevole ma sono molto fragili e pesanti da trasportare; le fioriere in plastica sono resistenti, economiche e leggere ma non soddisfano pienamente le esigenze estetiche. Il legno, infine, è più resistente agli urti rispetto alla terracotta e le fioriere in legno hanno un impatto estetico notevolmente superiore a quello di plastica.

Accanto, tuttavia, a una funzione puramente decorativa, le fioriere ne svolgono anche una protettiva nei confronti del substrato, dal quale le piante traggono nutrimento attraverso le radici e con il quale si trovano a diretto contatto. Il materiale di cui sono costituite ha effetti evidenti sul loro stato di salute, infatti, esercita un importante ruolo nel controllo del tasso di umidità e dello scambio termico con l’?esterno. Anche da questo punto di vista, le fioriere legno sembrano essere il prodotto più adatto per la sistemazione delle piante. Il legno, infatti, essendo un composto che respira, facilita la circolazione di aria nel terreno evitando l’?accumulo di sostanze acide. Le sue proprietà isolanti contribuiscono a rallentare l?’evaporazione rapida dell’?acqua d’?irrigazione, nel periodo estivo, e il suo congelamento, in quello invernale. Regola, inoltre, il ristagno prevenendo così l’?imputridimento delle radici. Rispetto alla terracotta e alla plastica, tuttavia, richiede molta più cura poiché si deteriora e si deforma facilmente, specialmente se esposto continuamente agli agenti atmosferici esterni. Solo un periodico trattamento con impregnanti è in grado di assicurare ad una fioriera in legno un’?adeguata protezione. Un altro suo limite sono gli alti costi, in modo particolare se si tratta di materiali pregiati o dalla particolare lavorazione.

Legno per fioriere

Per la costruzione di fioriere in legno per esterni si adoperano diversi tipi di legname. Per quelle destinate ad ambienti aperti si utilizzano soprattutto il pino e l’?abete, varietà ordinarie, affiancate in tempi più recenti dal cedro e dall?’esotico balau. Per le fioriere da interni, non sottoposte alle intemperie meteorologiche, s’?impiegano generi più pregiati, come ad esempio il noce e la radica. In centri specializzati sono disponibili anche modelli laccati, in tinte differenti da quelle naturali. Il trattamento classico con impregnanti protegge il legno dalle difficili condizioni climatiche e dall?’attacco di funghi e insetti, ma deve essere ripetuto annualmente.

Risultati più duraturi ed efficaci sono stati ottenuti grazie a una nuova metodologia, in cui il procedimento è condotto a pressione in autoclave. Gli impregnanti contengono, però, sostanze tossiche che potrebbero infiltrarsi nel terriccio con conseguenze dannose sulle piante. A tale proposito sono in via di sviluppo diversi studi e sono già in commercio fioriere in legno di ?nuova generazione? che non contengono elementi come il cromo e l’?arsenico. Per garantire una migliore protezione all’?interno e sul fondo delle fioriere, altrimenti a contatto continuo con terriccio umido, sono stati proposti modelli dotati di scocche interne in plastica, provviste di appositi fori di drenaggio. Queste sono estraibili e lavabili ma, nonostante facilitino i trattamenti di prevenzione e cura delle piantine, si frappongono tra il legno e il substrato interferendo negativamente nei naturali processi di scambio.

E’ possibile acquistare fioriere rettangolari, quadrate, triangolari, esagonali, insomma in tutte le forme geometriche e particolarmente eleganti sono quelle dotate di pomelli. Su molte di esse è possibile montare la spalliera, pannelli aggiuntivi essenzialmente di due tipi: lisci e grigliati. Le fioriere con spalliere liscia, adoperate soprattutto come sostegni per la crescita di rampicanti, fungono anche da raffinati separé, mentre le fioriere con grigliato trovano applicazione in particolar modo come barriere frangivento. Fioriere a capienza limitata ma dall?’effetto molto decorativo e artistico, sono quelle a forma di casette, carrelli e scalette. Generalmente in pino e abete, impreziosiscono gli angoli dei diversi ambienti abitativi.

Tipi

Le caratteristiche strutturali e i tipi di legname utilizzati permettono di individuare le seguenti tipologie di fioriere in legno: da appartamento, da balcone, da terrazzo o giardino. Le fioriere da appartamento, oltre a essere fabbricate con legni più pregiati, sono in genere di piccole dimensioni e spesso provviste di funzionalità accessorie. Le versioni recenti, ad esempio, sono predisposte anche per l’?idrocoltura, una recente tecnica che utilizza l?’argilla espansa come supporto al posto del terriccio e a volte è previsto anche un kit per la riserva d?acqua, che può rivelarsi utile quando si parte per le vacanze. Per arredamenti in stile country sono molto indicate quelle in legno grezzo, che si integrano armonicamente con le composizioni di fiori secchi o di stoffa.

Ideate per le ringhiere sono, invece, le cosiddette balconette, fissabili mediante appositi ganci regolabili, normalmente in dotazione. Le due principali varianti sono a listelli piatti o tondi. Le prime si addicono a un ambiente in stile classico, mentre le seconde sono l?’ideale per uno stile più rustico. Il numero di listelli presenti ne determina le dimensioni complessive e generalmente si arriva a un massimo di tre. Perfette per i balconi sono anche le fioriere a spalliera grigliata per i rampicanti, di medie dimensioni, o le versioni da poggiare direttamente a terra.

Scegliere fioriere per terrazzo e fioriere per giardino significa aver a disposizione una scelta ancora più ampia, poiché è possibile scegliere anche tra quelle di dimensioni maggiori. Accanto ai modelli che poggiano a terra, disponibili in tutte le forme geometriche, si possono utilizzare quelle munite di frangivento o di spalliere grigliate di grandi dimensioni, per creare delle zone di divisione da riservare ai momenti di relax. Per tale scopo, disponendo di un gazebo, si possono sfruttare le portafioriere di cui sono spesso muniti. Alle strutture geometriche tradizionali, si possono affiancare i modelli particolari, a vaso o a tronco di piramide, che abbinati a fioriere ancora più sfiziose come quelle a forma di carriole, carri o casette, contribuiscono molto alla realizzazione di un giardino veramente personalizzato.

Come scegliere

Per gli ambienti interni, molto più protetti rispetto a quelli esterni, si possono prendere in considerazione nella scelta anche i legnami più pregiati, nonostante il loro costo sia spesso abbastanza elevato. In alternativa anche modelli di piccole dimensioni, ideati per luoghi aperti, possono essere adattati a spazi interni, se lo stile dell?’arredamento lo permette. Ad esempio fioriere a listelli tondi, non sfigurano per niente all?’interno di case di campagna o comunque dall’?arredamento rustico, mentre i listelli lisci sono più adatti all?’arredamento classico. Gli articoli in legno laccato, specialmente in bianco o in nero, trovano la loro collocazione ideale in un ambiente dallo stile moderno, in cui il colore naturale del legno produrrebbe evidenti stonature. Per operare una buona scelta, in tutti i casi, è comunque importante avere già un’?idea del tipo di fiori e piante a cui destinarle. Acquistare cassette di plastica per la protezione interna del legno, o comprare modelli già dotati di scocca interna rimovibile, può essere una soluzione per proteggere il legno dell’?interno anche se si perdono i benefici del contatto diretto.

Per quanto riguarda fioriere in legno per esterni, potrebbe essere necessario l?’acquisto contemporaneo di più fioriere, anche di grandi dimensioni. In questi casi è opportuno effettuare misurazioni preliminari degli spazi a disposizione, corredate eventualmente da uno schizzo progettuale. Immaginare l?’aspetto finale complessivo aiuta molto a fare previsioni su quante acquistarne, di quale grandezza e di quale forma. Fatta eccezione per i prodotti trattati in modo speciale, bisogna ricordare che il legno richiede periodici trattamenti di manutenzione, pertanto è conveniente acquistare anche un impregnante e pennelli. Le fioriere di una certa qualità hanno spesso costi abbastanza elevati che invitano a ricercare soluzioni alternative. Nei negozi di bricolage e fai da te sono spesso in vendita cassette in legno grezzo, dal costo certamente inferiore, che potrebbero essere adattate a fioriere una volta impregnate o verniciate. Chi è dotato di una buona dose di manualità, potrebbe addirittura pensare di costruire una semplice fioriera in legno fai da te, senza incontrare grandi difficoltà.